Carri armati militari

Come caso speciale all’interno delle vasche di raccolta dell’esercito svizzero può essere visto in tre diverse posizioni.

Burgdorf

Burgdorf è anche la sede di tutti i veicoli blindati come sede di base dei veicoli. Questi sono in aggiunta al combattimento effettivo e ai veicoli corazzati del personale anche tutti gli altri veicoli che si muovono su catene, come obici blindati, carri armati di ponti, cisterne di rilassamento, trasportatori di munizioni, ecc.

Thun Outdoor

Dopo la seconda guerra mondiale, la Svizzera iniziò a pensare di costruire i propri carri armati. Affinché gli esperti di armamenti studiassero la tecnologia usata in quel momento e ottenessero così un importante impulso per questo progetto, i carri armati in disuso furono acquistati dai campi di battaglia dell’Europa.

Una volta che questi veicoli avevano raggiunto il loro scopo, si ergevano come rottami nel terreno delle operazioni militari. Alcuni, oggi sfortunatamente sconosciuti, hanno impedito che questo rottame venisse smaltito e si assicurarono che i serbatoi fossero collocati sul sito del vecchio parco dei veicoli a motore dell’esercito. Nel corso del tempo, sono stati aggiunti carri armati in pensione dell’esercito svizzero, nonché modelli sperimentali e prototipi. Le mostre finirono un’esistenza triste. Solo il lavoro più necessario, svolto sul campo, li ha salvati dal completo decadimento.

Fu solo negli anni ’70 che le cose andarono un po ‘meglio: gli ex oggetti di studio devono la loro posizione attuale alla nuova costruzione delle strutture di addestramento per le truppe corazzate. Questo progetto di costruzione ha permesso di creare uno spazio espositivo semplice nel cosiddetto triangolo MLT. Con il calcestruzzo “surplus”, l’iniziativa ha offerto a dipendenti e architetti un modo semplice per mettere in scena i carri armati dopo un lifting nei laboratori scolastici. Lo stock è stato continuamente aumentato attraverso il baratto e i regali di altre forze armate. Sfortunatamente, le mostre a volte estremamente rare sono ancora scoperte all’aria aperta e sono quindi esposte al degrado.

Thun Indoor

L’idea era molto semplice: nell’Esercito Motor Vehicle Park era disponibile almeno una copia operativa di tutti i carri armati mai importati nell’esercito. Questi serbatoi dovrebbero – integrato con altri reperti – dal loro “nascondere” inverosimile ed i giovani quadri del Corpo blindata, ma anche essere reso pubblico.

L’idea di un “vero” museo del carro armato esisteva da molto tempo. Non mancano progetti in tutte le dimensioni e fasce di prezzo. Anche se il lancio di un progetto del genere sembrava essere imminente alcune volte, per diverse ragioni il progetto ha fatto scorrere più volte l’elenco delle priorità.

Con la creazione della Lehrverband Panzer nel 2002, il brigadiere Fred Heer ha visto la possibilità di realizzare i progetti ripetutamente posticipati, dopo tutto. Riuscì a ottenere il diritto di usare il vecchio maneggio nella caserma. Con il supporto di molti mecenati, il progetto ha preso forma. La gestione dello spazio armi ha subito il corridoio una ristrutturazione leggera, l’arsenale e l’esercito flotta di veicoli a motore presentato strutture fa per la presentazione, membri dell’esercito diretto showroom fa, il club Museo dell’Esercito a condizione che i pezzi necessari dalla collezione di prêt federale e procurato le bambole per il rilascio uniforme. Le risorse finanziarie extra si sono riunite grazie a uno sponsor principale ea molti donatori privati. Il 19 maggio 2005, la mostra è stata aperta con il titolo “collezione di vasche storiche dell’esercito”, alla presenza del Consiglio nazionale Ursula Haller (SVP) e il Thun Città Presidente Hans-Ueli von Allmen (SP).